Pagine

lunedì 30 giugno 2014

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-6 PARTE







Le previste terribili  “Doglie Messianiche”, non saranno affatto transitorie. Tormenti e catastrofi colpiranno l’arroganza di questi tiranni ebrei, spezzando lo scettro del loro oscuro dominio. Per loro, non vi sarà né gloria né felicità; né Storia né Perdono. Pace e giustizia, quando verranno, se mai verranno, non saranno certo le loro. Solo quando la piaga ebraica e le sue complicazioni cristiane ed islamiche, saranno completamente cauterizzate, il Dio, che è il vero centro individuante di ognuno, ed è per ognuno diverso, potrà dimorare e manifestarsi finalmente in ogni essere umano.

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-5 PARTE




LE ORIGINI DEL GLOBALISMO




Vedrà meglio le cose, colui che le osserverà svilupparsi dalle loro origini.” 


Aristotele. Politica



Che gli Ebrei abbiano avuto, e mantengano, un ruolo centrale, nella fondazione e nell’espansione dello Star System Hollywoodiano, nel controllo delle tematiche immaginali occidentali e mondiali, e nella gestione delle Case di Produzione Cinematografica e televisiva, sia in America che altrove, è  una cosa generalmente abbastanza nota.  Meno ovvio, è il fatto che la maggior parte dei Produttori statunitensi sia stata, e sia, anche attualmente, di verace  ascendenza ebraica; fino a sfiorare, nei ruoli direttivi, e in quelli decisionali, la quota limite del cento per cento.


venerdì 27 giugno 2014

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-4 PARTE




DA MOSÈ A MAOMETTO


Il Corano Arabo originario, non è altro che la traduzione delle principali storie dell’Antico  Testamento, e soprattutto del Pentateuco, fatta dall’ebraico in arabo, dal Rabbino della Mecca. Questo “Libro Sacro” è, al giorno d’oggi andato perduto, e ciò che noi attualmente chiamiamo Corano, non è che un libro di storie  aneddotiche, scritte come un diario, dallo stesso anonimo istruttore  di Maometto, e reale fondatore dell’Islam.

giovedì 26 giugno 2014

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-3 PARTE




DE PROFETIBUS


L’Attesa messianica, è fondamentale per Israele, e, nella Bibbia Ebraico-cristiana, i passi che riguardano il Messia sono più di trecento. Vi si annuncia la venuta del Re Divino, che uscirà dalla stirpe di Davide, ed estenderà il suo dominio su tutti i popoli. Si profetizza sulla sua azione, e sul significato della sua apparizione per il mondo.  Gli ebrei scismatici, che riconoscono in Gesù il Messia, o Cristo, si chiamano perciò cristiani, e affermano che, nel falegname di Nazareth, le antiche profezie bibliche si sono già realizzate.

mercoledì 25 giugno 2014

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-2 PARTE




JAHVE’

  IL DEUS INVISIBILS






Per Ebrei, Cristiani, ed Islamici, che hanno sostituito al Daimon o Dio individuale, il Dio collettivo delle loro religioni egregoriche, Jahvè non è più, come l’Idios Daimon ellenico, un Deus Absconditus; ma un Deus Invisibilis. Non è più avvertibile, all’interno dell’individuo, come una somiglianza luminosa che si riflette in esso; ma si colloca in una dimensione astrale, aliena ed esterna; percettibile solo grazie all’incerto Dono della Rivelazione.



Solo per costoro, la Gnosi individuale non è più lo strumento eccellente: di comprensione dell’Arcano divino, e per essi solamente, l’esistente nel mondo, non prova la Presenza palese della divinità.

Ebrei, Cristiani, ed Islamici, non cercano prove intime, e, quindi, non le trovano.  Si attengono alle loro leggi aggressive: ai Talmud, alle Bibbie, ai Corani, e attendono,  pazientemente, la grazia di un segno esteriore e collettivo, che tarda sempre a venire.

Ma essi fanno, di questa miseria di riscontri, un loro punto di forza dottrinaria:


“Poiché Dio è Nascosto, se una religione o un individuo afferma che è evidente, non può essere che una falsa religione e un falso profeta”.



martedì 24 giugno 2014

IL DIO DEL MALE JAHVEH,E LA CREAZIONE DELLE RELIGIONI-1 PARTE





I tempi sono giunti, e solo una cosa importa attualmente: che noi ci manifestiamo per ciò che siamo: una Nazione fra le nazioni: i principi del denaro e dell’intelligenza.

Chi ignora cosa significhino le ghiandole del corpo umano?  Ebbene, gli Ebrei si sono fissati nelle ghiandole della moderna comunità delle Nazioni, che sono le Borse, le Banche, i Ministeri, i Grandi Quotidiani, le Case Editrici, le Commissioni d’Arbitrato, le Società di Assicurazione, gli Ospedali, i Palazzi di Giustizia. In apparenza, tutto resterà immutato, tuttavia, tutto si trasformerà!.

Gerusalemme sarà il nuovo Papato, e somiglierà alla tela di un ragno laborioso: una tela i cui fili elettrici avvilupperanno il Mondo intero.


Louis Levy,nel 1918, fu letto dall’attore ebreo Samuel Basekow, 
ad una riunione sionista, a Copenhagen, l’8 Dicembre 1935.



lunedì 23 giugno 2014

Cosa nascondono i sistemi di credenze: silenzio assenso





http://3.bp.blogspot.com/-RkxnBVaV3fg/UvlHiLqaSEI/AAAAAAAADM0/FMFJNkCOaDM/s1600/Douglas-Smith-Zeus.jpg





La condizione di schiavitù (emotiva) e la dipendenza dai sistemi è funzionale al nutrimento dei nostri “predatori”, tacerne significa perpetrare questa condizione, lasciare che le cose accadano senza porvi un freno porterà tutti all’annientamento totale. Il resto alimenta solo lamentele che nutrono spropositatamente il sistema di alimentazione dei “predatori”. Gli alti e bassi della vita quotidiana sono il prezzo che paghiamo per vivere secondo le regole di questo “sistema”, ed è questo a trasformare gli umani in “cibo”. Il “sistema” di credenze, di regole comportamentali e molto altro è funzionale a questa condizione, vivere nella preoccupazione, nell’assenza, nel timore di perdere il cibo, quando nessuno di noi ha mai realmente sperimentato la “fame” è il riflesso del “loro” di timore. Se l’umanità resta in questa condizione vitale, “loro” non possono che avvantaggiarsene, ecco perché l’unica cosa che può permetterci di cambiare è superare il sistema “cognitivo” che ci hanno imposto attraverso il condizionamento. Un sistema “cognitivo” è il modo con cui noi interpretiamo i fatti e le circostanze della vita, il modo, cioè, con cui intendiamo o interpretiamo tali eventi.


I Vimana,il libro che parla di navi volanti di 15000 anni fa









Le antiche astronavi che solcavano i cieli Indiani circa 15000 anni fa e che avevano armi e poteri al limite dell’immaginazione

Molti testi Indiani alcuni religiosi ed altri di letteratura classica come ad esempio Ramayana ,Mahabharata , Vaimanika-Shashtra, Puranas, Bhagaravata e molti altri trattano di queste macchine volanti definite in sanscrito “Akasa yantrache”.

venerdì 20 giugno 2014

Il Pd e i collegamenti con l'elite,lo scandalo del Forteto,dove si stupravano i bambini







nota personale:

L'inquietante caso del Forteto,dimostra ancora una volta,l'inesorabile intreccio tra una fitta rete di pedofili settari collegati ad ambienti esoterici di tipo satanico,e gli ambienti politici governativi e affaristici,da cui ne scatursce un quadro racapricciante.
Questa struttura che propagandava un nuovo tipo di società,godeva di una complicità e copertura pressoche totale,da parte delle forze politiche,degli organi di controllo come la magistratura,le forze dell'ordine,gli assistenti sociali,psicologi  e chi doveva indagare sulle gravi vicende accadute.

Queste pseudo strutture sono solo di copertura,vengono gestite e finanziate dall'elite mondialista,che stanno  ampliando questo culto satanico e perverso nella nostra società.

giovedì 19 giugno 2014

LA MAGIA EGIZIA

















DEFINIRE LA MAGIA



Magia è la scienza e l’arte di provocare cambiamenti secondo la propria volontà. Magia è la capacità di cambiare stato di coscienza secondo la propria volontà, e, una volta entrati in uno stato di coscienza alterato, è l’Arte di cambiare gli eventi del mondo “normale” usando questa più elevata consapevolezza. La Magia è ciò che accade quando si incontra il Divino, che dimora in noi e nel mondo; è la nostra relazione con la divinità immanente, ed è il modo in cui viviamo la nostra natura di Maghi. Fare Magia è un processo dinamico, che ci rende direttamente partecipi alla creazione divina della realtà. Ogni vera Magia è una manifestazione del divino immanente, cioè presente in tutto ciò che esiste. Ogni esistenza è una forma, un’incarnazione dell’energia divina, e tutto è unito da questa Potenza sacra.

mercoledì 18 giugno 2014

I Quattro Cavalieri, la CIA e l’espresso della coca colombiana









nota personale:

E' necessario capire che la droga non è un affare che riguarda le varie associazioni criminali,come molti sono stati portati a credere,che sono solo gli ultimi esecutori,una rozza manovalanza che viene usata come copertura e capro espiatorio quando necessario.
Mentre invece l'affare droga,è un progetto militare gestito da alti vertici segreti dello stato stesso,con il fine di annientare la volontà dei nostri giovani,di distruggere la loro mente e indebolire una loro eventuale presa di coscienza o ribellione contro il sistema schiavista vigente.
Questa a cui stiamo assistendo da anni,fa parte di una strategia definita in gergo come guerra psicologica,che serve a indebolire il nemico nelle sue fila interne.
Tutta l'operazione droga,fin da quando importarono le prime oppierie cinesi in occidente,  è gestita dall'elite judea globalista,che insieme ad altre strategie di dominio,usa l'arma della droga,non per gli alti profitti garantiti dal traffico di queste sostanze stupefacenti,non avendone bisogno,essendo i proprietari delle stamperie di denaro,come le banche centrali,BCE,FED,FMI ecc.,ma per fini di dominio,e destabilizzazione delle civiltà dei gentili(i non ebrei).
Questa merda inonda le nostre strade da troppo tempo,in una società vuota in cui vi è insoddisfazione perenne,un materialismo autodistruttivo e involutivo,miseria umana e culturale,una società che crea delusione della vita stessa e conseguente depressione, tutto questo indotto con altrettanta demoniaca determinazione,e come soluzione,la loro soluzione, viene imposto il veleno,fatto passare per qualcosa che accade causalmente,quando vi è una chiara guerra contro l'umanità.
I nostri giovani che dovevano brandire le armi in pugno davanti agli evidenti abusi di questi sub-umani al potere,si trovano a vivere un esistenza vuota e condannata all'inutilità,in cui i bagliori di gloria,vengono spenti da un omologazione latente,che mira alla distruzione delle menti dei nostri giovani,tutto voluto e gestito dagli stessi che fanno arrivare le droghe nelle nazioni.
Bisogna quindi concepire l'affare della droga,non come una questione relativa alla criminalità organizzata,ma come un attacco vero e proprio alla nostra civiltà stessa,e la risposta quindi per essere efficace deve essere per forza strategica e militare,colpendo il vero obbiettivo e la vera causa,in ogni guerra la prima regola è appunto,conoscere il tuo nemico.

white wolf







Nel 1984, con il vicepresidente George Bush a capo della National Narcotics Border Inderdiction

lunedì 16 giugno 2014

La nostra grande battaglia












Tu hai chiamato lo spirito del grande lupo,egli ti appare, ti porta nelle terre selvagge,dove ritroverai la tua energia primordiale,una energia sconosciuta a chi non ha la forza di vederla e afferrarla;
Sarai solo con te stesso,il lupo è il guardiano dei mondi invisibili,sii  forte e valoroso e accederai ai mondi,il lupo è la tua guida esso è il tramite tra i mondi e il non mondo,divieni un lupo selvaggio o non sarai riconosciuto.

tradiz. e rituali antica fratellanza lupi bianchi






venerdì 13 giugno 2014

Gli USA stanno progettando di colpire la Russia con armi nucleari









Washington pensa che in una guerra nucleare ci possa essere chi vince. E sta progettando un primo attacco alla Russia, o forse alla Cina, per evitare qualsiasi sfida alla sua egemonia sul mondo. Il piano è molto avanzato, avverte Paul Craig Roberts, citando “La letalità delle armi nucleari” di Steven Starr: «Basterebbe l’1% degli arsenali nucleari degli Usa o della Russia per provocare una “piccola guerra nucleare” che porterebbe a un disfacimento catastrofico del clima globale e alla distruzione massiccia dello strato di ozono, con conseguenti danni, tanto gravi per l’agricultura del mondo, che due miliardi di persone potrebbero morire di fame». La brutta notizia è che la dottrina strategica degli Stati Uniti è cambiata: con Obama, «il ruolo dei missili nucleari è stato portato da strumento di reazione ad arma offensiva, da usare al primo colpo». Per questo sono stati piazzati i missili anti-balistici Abm nelle basi americane in Polonia, e altri missili verranno dislocati nell’Est Europa. «Una volta completato il lavoro, la Russia sarà circondata da basi missilistiche americane».

giovedì 12 giugno 2014

IL messaggio del magistrato Paolo Ferraro Contro il Nuovo Ordine Mondiale,che tutti dovrebbero vedere








Visto al punto in cui siamo arrivati in questo paese, riteniamo utile ed attuale riproporre il messaggio che l’ex magistrato Paolo Ferraro, poco tempo fa,  ha pubblicamente rivolto a tutti coloro che stanno operando in modo occulto per realizzare un nuovo ordine sociale e politico alle spalle dei cittadini.

Il magistrato Paolo Ferraro ha lanciato in rete un duro messaggio rivolto ai burattinai del Nuovo Ordine Mondiale
Conosciamo tutti il magistrato Paolo Ferraro e apprezziamo da tempo il suo coraggio e la sua determinazione, come conosciamo le sue battaglie per la verità e per la giustizia. Da tempo oggetto di una vera e propria persecuzione umana e giudiziaria per aver avuto il coraggio di indagare nel campo minato dei servizi segreti deviati e delle tecniche di controllo e manipolazione mentale, ha ricevuto minacce e ha subito attentati, subendo pesanti

martedì 10 giugno 2014

LIBRO DEI SEGRETI DI ENOCH (LIBRO COMPLETO)








LIBRO DEI SEGRETI DI ENOCH 
LIBRO COMPLETO

INTRODUZIONE ALLA CRISTALLOTERAPIA (LIBRO COMPELTO)









Miguel Serrano su Atlantide, Iperborea, Mu e Gondwana












Nel Crizia e nel Timeo Platone ci narra di tre sorelle che sorvegliavano il Giardino delle Esperidi: una nera, una bianca ed un’altra rossa. II Giardino si trovava in Atlantide. I colori dell’alchimia sono il nero, il bianco ed il rosso. Nel Timeo si trova questa frase misteriosa: “Uno, due, tre, pero dov’è il quattro”? Anche da Montségur, quattro cavalieri fuggono col tesoro, con il Graal, si conoscono solo i nomi di tre. E dove è il quarto? Nel procedimento alchemico c’è un colore giallo, che sta tra il bianco ed il ros­so e che in realtà viene ad essere il bianco stesso, o il rosso, e lo stato dall’indeterminatezza. In questo modo, il terzo e il quarto. Dovrebbe essere, pertanto, cercato il quinto, la Pietra Filosofale, la Quintessenza, il Graal. Quale colore ha il quinto? Forse blu, co­lore che i re atlantidei usavano nelle loro cerimonie sacre, in ricordo (Minne) di qualcosa o qualcuno perduto, qualcosa che è andata via, che non si possiede più, che ormai non è più li. Dove si trovava quel blu, quella razza blu, di quegli esseri blu? Nella Thule di Iper­borea. Forse su Venere!


venerdì 6 giugno 2014

IL LIBRO DI DZYAN, LA STORIA PROIBITA DELL'UMANITÀ



Esistono, nel mondo, dei libri maledetti che una sorta di "Santa Alleanza contro il sapere" ha combattuto aspramente dai tempi più remoti fino ai nostri giorni.

Yves Naud

«Guardate il cielo con le sue stelle, le sue nubi, guardate la terra con le sue montagne, i suoi fiumi, le sue valli, gli alberi, i mari. Tutto ciò non è altro che l’espressione della Volontà Superiore. Il Cosmo nella sua complessità è un manoscritto uscito dalle mani degli dèi, cercate quindi di leggere e capire questo libro aperto e posto davanti a Voi». - See more at: http://www.molfettadiscute.com/in-una-chiesa-rupestre-di-bari-un-archeometro-astronomico/#sthash.Qt87FuLn.dpuf
Il libro di Dzyan è uno dei più antichi libri dell’Umanità ,viene menzionato in antiche tradizioni,nessuno lo aveva mai visto, possediamo la sola testimonianza di Helena Blavatsky; la quale, a sua volta, sosteneva di essere stata nel Tibet, A Lhasa, dove avrebbe avuto la possibilità di prenderne visione e stenderne un compendio in versi;
La teosofa russa sosteneva che esso era scritto in una lingua pre-ariana ora completamente dimenticata, il "senzar"; e che esso sarebbe stato dettato dagli Atlantidi, ossia i membri della quarta razza "creata" sul nostro pianeta dagli dèi "costruttori" provenienti dallo spazio, e poi distrutta da una immensa catastrofe e sommersa dalle acque di un Diluvio (mentre la razza attuale, alla quale noi apparteniamo, sarebbe la quinta della serie).La fondatrice della Società Teosofica, Helena Petrovna Blavatsky, ebbe la possibilità di visionarlo nel 1868 in un monastero del Tibet. 


giovedì 5 giugno 2014

LA FUNZIONE DELLA TELEVISIONE,LA GUERRA PSICOLOGICA SULLE MASSE








prefazione:

 Molti credono che la televisione e i mezzi di intrattenimento in generale,che oramai hanno saturato la nostra società,siano li per distrarre,intrattenere,divertire o per i più smaliziati,addirittura informare.Questo non è neanche lontanamente vicino alla realtà dei fatti.In effetti prendendo ad esempio la televisione,quale elettrodomestico che non può mancare in ogni casa,è un mezzo di propaganda del regime autoritario usuraio,e i suoi effetti di propaganda e guerra psicologica,sono cosi devastanti quanto invasivi,che molte persone sono state addirittura,portate a credere che sia uno svago e che che le informazioni che ricevano siano veritiere o quantomeno reali da un certo punto di vista.Ebbene avere questo ordigno malefico in casa senza sapere queste basilari informazioni,vuol dire aver ceduto la propria mente al sistema potere stesso,e i suoi risultati purtroppo sono visibili nella società degenerata e istupidita che vediamo ogni giorno.

martedì 3 giugno 2014

La via iniziatica








Il punto centrale di ogni insegnamento esoterico è che non vi è nulla di esterno alla propria mente. Anni ed anni di progresso spirituale dell’adepto iniziato conducono lentamente verso questa consapevolezza.
  L’uomo comune vive proiettato verso l’esterno, convinto dell’esistenza di un mondo al di fuori di lui. Secondo le Dottrine Tradizionali questa convinzione è dovuta all’ “ignoranza” intesa come l’errore che crea la distinzione tra Soggetto ed Oggetto e la credenza dell’esistenza di un io individuale, separato dal mondo.